10 cose indispensabili (ma non solo!) da fare a Praga
DESTINAZIONI EUROPA REPUBBLICA CECA

10 cose indispensabili (ma non solo!) da fare a Praga

Benvenuti a Praga, la Capitale della Repubblica Ceca che tutti conoscono per il suo fascino magico e misterioso, una città dove troverete architetture gotiche alternate a moderne opere d’arte, e dove storia e leggenda vi sorprenderanno ad ogni angolo!

407035_2982160642615_117304938_n

Praga è stata questo per noi: alternativa e storica allo stesso tempo… Io e Andrea inoltre abbiamo avuto la fortuna di visitarla accompagnati per un giorno da un amico praghese, che ci ha fatto scoprire delle piccole chicche non facilmente trovabili sulle guide ufficiali, da aggiungere ai must see della vostra visita a Praga.
Ecco la lista completa!

1. IL PONTE CARLO

Uno dei simboli più conosciuti della Repubblica Ceca. Una visita forse scontata, ma da non perdere: è sicuramente uno dei ponti più affascinanti del mondo! Un capolavoro di pietra arricchito da 30 statue di santi che collega la Città Vecchia (Staré Město) alla Città Piccola (il quartiere centrale). Due torri ne segnano l’inizio e la fine, e dalla torre dalla parte della Città Vecchia si può ammirare una vista unica sul fiume Moldava e sul centro storico; per questo, vi consiglio la visita serale o comunque al tramonto.

403006_2998715896486_1657661761_n

La chicca: alla fine del ponte dal lato della Città Vecchia guardate in basso oltre il parapetto destro; vedrete una pietra a forma di testa. E’ chiamata “l’uomo barbuto” e in passato, quando l’acqua superava questa pietra, per gli abitanti di Praga era il segnale che c’era il rischio di un’alluvione!

2. IL MUNICIPIO E L’OROLOGIO ASTRONOMICO

390263_2981451784894_672429994_n

Nella piazza principale, la Piazza della Città Vecchia, troverete l’antica torre del municipio con lo storico orologio, il cui meccanismo è composto da 3 quadranti, su cui si possono osservare figure bellissime e allo scoccare di ogni ora tra le 9 e le 23, appaiono i 12 apostoli e le quattro statue ai lati (rappresentazione dei vizi capitali), si animano, lo spettacolo più seguito della città! Se voleto vederlo, arrivate in piazza un po’ in anticipo.

La chicca: non fermatevi alla base della torre, ma salite in cima: il panorama è bellissimo (prezzo del biglietto: 250 CZK, ma diventano 210 CZK con il mTicket, biglietto elettronico acquistabile qui).

390270_2981529386834_1513740674_n.jpg

3. IL CASTELLO DI PRAGA

Chiamarlo semplicemente “castello” è riduttivo, visto che il complesso che domina la città è considerato la più grande fortezza antica del mondo, e al suo interno troverete numerose attrazioni, tra cui  la Cattedrale di San Vito (meraviglia gotica plurimillenaria) e la Basilica di San Giorgio, ma soprattutto il castello stesso, dove ad ogni ora potete assistere al cambio della guardia.

390375_3005011653876_126292439_n.jpg

Compreso nel biglietto d’ingresso avete l’Antico Palazzo Reale e il Palazzo di Rosenberg, il Vicolo d’oro e la Torre delle Polveri. Potete arrivarci a piedi, oppure con il tram numero 22 (fermata Pohorelec). Per gli orari d’aperture e i prezzi dei biglietti potete verificare qui.

La chicca: anche qui, non fermatevi al castello ma proseguite con la visita dell’eccezionale Chiesa di San Nicola, un prezioso gioiello barocco in cui si tengono concerti con l’organo storico del XVIII secolo. L’ingresso è a pagamento (70 Kc).

 

381545_2982157402534_1240212815_n.jpg

4. UN PRANZO DAVVERO TIPICO

Praga, come tutte le città, è anche gastronomia locale… Il nostro amico e guida ci ha portato in un ristorantino poco turistico ma davvero delizioso nella zona nuova della città, Nové Město (così avete una buona scusa per fare una passeggiata anche da queste parti!), in cui ha ordinato per noi piatti tipici e birra locale. L’aspettativa non è stata delusa: l’ambiente è rustico (con splendide volte in mattone) e curato, e l’atmosfera calda e molto accogliente. Perfetto per l’inverno! Le porzioni sono abbondanti e ben cucinate, e i prezzi decisamente onesti. Il ristorante si chiama Bredovsky Dvur e lo trovate a questo indirizzo: Politickych veznu 935/13 | Prague 1.

La chicca: non perdetvi il Gulasch, è delizioso!

380454_2998728736807_285059285_n

5. LA CASA DANZANTE

Opera di due famosi archistar, questo stravagante edificio è una delle attrazioni più fotografate di Praga, nonostante l’aspetto così insolito e innovativo sia in netto costrasto con l’architettura storica di Praga. Ma Fred e Ginger, ammirati e criticati, hanno avuto la meglio sulle malelingue, diventando uno dei simboli più amati della città. E meno male, perché sono davvero uno spettacolo!

La chicca: la Casa Danzante è visitabile anche all’interno, trovate infatti una galleria e il Ristorante Ginger & Fred con terrazza panoramica, dal quale potete ammirare Praga a 360° . E’ aperto a pranzo e cena, ma chiuso la domenica. 

396022_2996628804310_1777946268_n

6. IL NUOVO CIMITERO EBRAICO (OLŠANY)

In una città mistica e suggestiva come Praga, non può mancare una visita in uno degli  affascinanti cimiteri. Ambienti magici per eccellenza, Praga ne ospita diversi, ma uno merita sicuramente una visita! Olšany, il più grande e più importante, infatti vi troverete sepolti 600 personaggi famosi, e lapidi che ricordano le vittime praghesi della Shoah. Una vera galleria di sculture a cielo aperto, un luogo pregno di storia e di pace Lo potete raggiungere da con la metro A (fermata Želivského).

La chicca: qui è sepolto anche Kafka (dopo essere entrati trovate la tomba alla vostra destra, costeggiando il muro di cinta), una visita è d’obbligo!

402336_2982629774343_1907691864_n.jpg

7. IL MUSEO EBRAICO CON LA SINAGOGA SPAGNOLA

Un altro imperdibile angolo di storia nel cuore di Praga, che si trova nell’antico quartiere di Josefov. In realtà il museo è composto da un itinerario tra vari edifici storici che raccontano la storia degli ebrei a Praga.

L’itinerario, che potrete seguire grazie ad una mappa che vi daranno all’ingresso, comprende: Maisel Sinagoga, Pinkas Sinagoga, Klausen Sinagoga, Stanza Cerimoniale, Sinagoga Spagnola, Robert Guttmann Gallery e Vecchio cimitero ebraico. In quest’ultimo sono seppelliti circa 100.000 ebrei su 7 strati di terreno, un luogo denso di tristezza che inevitabilmente vi porterà alla riflessione.

La chicca: quella spagnola è una delle sinagoghe più antiche e la terza più grande dopo quella di Gerusalemme e di Budapest. Resterete incantati dallo spettacolare stile moresco a volte dorate della struttura, una rarità per l’architettura di Praga!

392604_2982634454460_1723376665_n

8. LA COLLINA DI PETRIN

Se volete trascorrere qualche minuto fuori dalle vie cittadine, passeggiare nel verde e spaziare con lo sguardo su una delle viste più belle di Praga, da Malá Strana prendete la vecchia funicolare (prezzo 32 corone), datata 1891. Sulla collina troverete un rilassante parco verde, meraviglioso soprattutto nel periodo della fioritura; la Torre Petrin, una “copia” della torre Eiffel in miniatura (alta 63m), un osservatorio e un labirinto degli specchi per chi vuole divertirsi! Salendo sulla collina troverete anche l’impressionante Memoriale delle Vittime del Comunismo.

380391_2996635644481_1827161210_n

Gli orari variano in base ai momenti dell’anno: consultate il sito ufficiale.

La chicca: la vista migliore si ha dall’alto della torre, che si raggiunge solo facendo a piedi i 299 scalini; non fatevi spaventare e andate fino in cima, anche perchè nelle giornate ventose si sente la torre oscillare, un effetto molto suggestivo!

395163_2996624524203_1072872441_n

8. IL PASSAGGIO LUCERNA

395778_2996524041691_205430809_n

Trovate questo palazzo in stile art nouveau, sfuggito a qualsiasi modernizzazione, vicino a Piazza Venceslao, nella zona Nové Město: per arrivarci vi basterà fare una deviazione su Štěpánská. In stile francese, un po’ oscuro e un po’ polveroso, ma molto affascinante: è una delle gallerie più eleganti della città con all’interno caffè, teatri e negozi deliziosi, e anche il Cinema Lucerna del 1907, la più vecchia sala cinematografica boema ancora in funzione… un vero salto indietro nel tempo!

La chicca: quando entrete nel centro commerciale vi ritroverete davanti a una delle opere provocatorie (in polistirolo!) di David Černý, “Kun”: un destriero morto… rovesciato, e montato da San Venceslao! E’ la parodia dello stesso soggetto nella piazza vicina.

9. IL MEMORIALE DELLA RIVOLUZIONE

401039_2996484520703_1829909325_n.jpg

La lapide in memoria del 17 novembre 1989 è di per sè stessa una chicca. Quasi sconosciuta, poco visitata e fotografata, è in realtà un momunento fondamentale per la storia della Repubblica Ceca. Si trova in via Narodni 16, e ricorda il giorno di inizio della “Rivoluzione di velluto”, ovvero la rivoluzione non violenta (non ci furono morti) che rovesciò definitivamente il regime comunista cecoslovacco. Ecco perchè questa data ora è la ricorrenza del Giorno della lotta per la libertà e la democrazia.

10. IL MUSEO KAMPA

396246_2982162962673_635513523_n

Un particolarissimo (ed economico, circa 4 euro per l’ingresso!) museo che trova nell’isola di Kampa, e ospita la collezione di arte contemporanea di Jan e Meda Mládek. Anche Yoko Ono e Andy Warhol hanno esposto alcune loro opere in questo museo! Anche se non siete appassionati d’arte astratta e cubista, lo troverete sicuramente interessante perchè è alloggiato negli ex mulini di Sova, nella Città Piccola.

395767_2996633444426_729758323_n

La chicca: in alcuni periodi, all’esterno del museo potete trovare una fila di simpaticissimi pinguini gialli. Di notte si illuminano in modo molto scenografico, al punto che perfino il Guardian si è scomodato a definire “surreali”!

407066_2996629724333_2031590243_n

Praga per noi è stata è una città suggestiva, misteriosa ed emozionante. Sia che seguiate fedelmente i consigli di una guida o camminiate senza meta senza scegliere cosa vedere, che il meteo vi sia favorevole oppure no… vi auguro di trascorrere qui tutto il tempo che vi servirà per tornare, come noi, con il cuore che batte ogni volta che ne parlate!

Voglio seguirvi! Mi iscrivo alla newsletter

Sono Nicoletta, travel blogger e web content editor di Viaggiatori per Caso. Parto appena posso: per riscoprire la mia capacità di stupirmi, per imparare a sorridere davanti alle bellezza delle cose semplici, per apprezzare l’essenzialità, e per scoprire che non c’è posto al mondo che non meriti di essere visto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *