Ciao, vado a Bucarest, ci vediamo stasera!
DESTINAZIONI EUROPA #unacittàalgiorno ROMANIA

Ciao, vado a Bucarest, ci vediamo stasera!

Una calda giornata autunnale, un bel gruppo di amici, nessun imprevisto sul programma… Basta questo per rendere una giornata indimenticabile? Forse sì! Ma se aggiungiamo la visita ad una bella capitale europea, raccolta ma affascinante, poco turistica ma non per questo poco curata, con un centro piccolo ma ricco di storia e architettura come Bucarest… la combinazione è probabilmente perfetta!

IMG_20171011_153655

Però questa visita a Bucarest, capitale della Romania, è differente: è stata fatta in giornata, partendo la mattina e tornando alla sera, proprio come avevamo già fatto con Londra! Vi sembra impossibile? E allora… leggete l’itinerario dettagliato che segue! Pronti? Via!

ORE 08:10. Partenza dall’aeroporto di Milano Bergamo con Wizzair.

22310231_2078460888838101_3009164156486812171_n

ORE 11:25. Arrivo all’aeroporto di Bucarest H. Coanda. Benvenuti nella capitale della Romania! Per prima cosa cambiamo o preleviamo una piccola somma di moneta locale (i Leu romeno) poi scendiamo al piano inferiore dell’aeroporto da cui partono i bus Express 783 che ci porteranno verso il centro, che dista 17 km. Facciamo i biglietti (4,3 Lei a tratta) dal rivenditore che si trova fuori dalle porte degli arrivi, sulla destra.

ORE 12:00. Prendiamo il bus che ci porta a Piata Unirii: i bus partono ogni 20 minuti, e impegano circa un’ora a raggiungere il centro.

schermata-2017-10-13-alle-12-24-43.png

ORE 13:00. Per quest’ora dovremo essere nella Piata Unirii, dalla quale con una breve passeggiata lungo arriviamo al maestoso Palazzo del Parlamento, il secondo edificio più grande e pesante al mondo dopo il Pentagono USA, costruito dal dittatore comunista Nicolae Ceaucescu.

ORE 13:15. Ripercorriamo  e torniamo alla Piata Unirii, da cui procediamo poi verso il cuore più antico di Bucarest, che fortunatamente è ancora in ottimo stato!

22405513_2078873782130145_8936318388319195618_n.jpg

Come prima cosa, visitiamo la Biserica Domnească, la chiesa ortodossa più antica di Bucarest (Biserica Sfântul Anton, Strada Franceză 33), e poi vediamo la storica corte interna risalente al 1808 del Ristorante Hanù lui Manuc (Strada Franceză 62/64), tutta rigorosamente in legno: è il luogo dove nel 1812 venne firmata la pace che poneva fine alla guerra tra Russia e Turchia.

IMG_20171011_133658

Subito dopo passiamo davanti alla vicinissima Curtea Veche (Old Princely Court, Strada Franceză 23), il palazzo del 1459 dove si dice sia risieduto il sanguinario Conte Vlad, celebre per la sua predilezione ad impalare i nemici: del palazzo rimangono pochi resti, e il mezzo busto del “vampiro” più conosciuto al mondo!

IMG_20171011_133920.jpg

Arriviamo infine al Monastero di Stavropoleos (Stavropoleos Monastery Church, Strada Stavropoleos 4) un vero gioellino del 1724, con un suo suggestivo chiostro: un piccolo capolavoro dell’architettura rumena!

IMG_20171011_135238

ORE 14:00. E’ tardi e siamo affamati, quindi è il momento di germarsi a pranzare al frequentatissimo (è pieno per tutto il pomeriggio!) Caru’ cu Bere, la più vecchia birreria di Bucarest, un luogo da vedere anche solo per l’incredibile atmosfera: infatti all’interno assaggiamo le specialità tipiche (come la ciorba) circondati da un ambiente unico, a metà strada tra un castello da fiaba e una cattedrale, accompagnati da ottima musica dal vivo.

IMG_20171011_135902.jpg

ORE 15:30. In piedi! Usciamo dal ristorante e ammiriamo il palazzo della CEC Bank (Palace of the Deposits and Consignments, Calea Victoriei 13): la sua facciata in stile neoclassico è una delle più spettacolari della città!

Schermata 2017-10-13 alle 12.58.15.png

A pochi passi da qui, il palazzo del Museo Nazionale di Storia Rumena (National Museum of Romanian History, Calea Victoriei 12), che sui suoi gradini ospitava la controversa Statua di Traiano… nel momento in cui ci siamo passati noi, la statua era già stata rimossa: ecco quello che ne resta!

IMG_20171011_162319.jpg

ORE 15:45. Raggiungiamo Piata Revolutiei, passando da piccola Biserica Kretzulescu, bella chiesa costruita in mattoni rossi nel 1722 in stile Brancovenesc (ovvero unendo elementi architettonici bizantini e occidentali) e ricca di splendidi affreschi.

IMG_20171011_154611.jpg

ORE 16:00. Arrivati alla grande piazza in cui hanno avuto luogo alcune delle scene più drammatiche della rivoluzione (fu qui che Ceaucescu fece il suo ultimo discorso, infatti su un palazzo si possono ancora vedere i fori di proiettile delle pallottole usate contro la folla), vediamo il Memoriale della Rinascita (Memorialul Renasterii), una stele di marmo coronata da allori alta 25 metri che simboleggia la fine del periodo più nero del paese.

IMG_20171011_155203.jpg

Sull’altro lato della piazza si trova l’ex Palazzo Reale, in stile neoclassico (ora Museo Nazionale d’Arte), e lo splendido Auditorium Ateneul Roman, la sala da concerti più prestigiosa di Bucarest, anch’essa decorata da un bel colonnato neoclassico.

IMG_20171011_155154.jpg

ORE 16:15. Proseguiamo fino a Piata Universitatii, la Piazza dell’Università, che fu un luogo chiave della rivoluzione del 1989 e della rivolta dei minatori del 1990. Noi abbiamo trovato la piazza in rifacimento, ma da qui si possono vedere comunque dei veri e propri capolavori architettonici, tra cui l’Università, il Teatro Nazionale, l’Ospedale con la sua chiesa e il Palazzo Sutu, sede del Museo di Storia. Sotto la piazza si trovano negozi, ristoranti e la metro.

IMG_20171011_152704

ORE 16:30. Ci rimettiamo in marcia per ritornare in Piata Unirii, facendo tappa in una delle tante pasticcerie che si trovano per strada, per fare merenda con qualche (economicissimo!) dolcetto tipico.

 

IMG_20171011_161006.jpg

ORE 16:45. Prendiamo nuovamente il BUS Express 783 per essere in aeroporto circa un’ora dopo.

ORE 18:50: Volo di ritorno da OTP Bucarest H. Coanda con arrivo all’aeroporto di Milano Bergamo alle ORE 20:15, in orario per cenare e prepararci a tornare in ufficio domani 🙂

UN GIORNO A BUCAREST: VARIANTE

Noi abbiamo privilegiato la possibiltà di passare del tempo in compagnia e assaggiare dei piatti tipici sedendoci al ristorante (purtroppo le tempistiche di servizio da Carù Cu’ Bere sono abbastanza lente). Ma se vi basta un panino al volo, potete sfruttare questo tempo per la visita interna del Parlamento!

IMG_20171011_134603

La bella capitale della Romania, città in cui la fase di cambiamento è tangibile, ci ha davvero sorpreso! E’ vivace e ricca di storia allo stesso tempo, ci sono tantissimi locali ma anche palazzi storici con architetture differenti; inoltre ha un centro piccolo dove le attrazioni sono tutte vicine tra di loro, e questo la rende perfetta per la visita di una giornata! Però per sfuttare al meglio le poche ore a disposizione, occorre qualche piccolo trucco e accorgimento, che potete trovare in questo articolo.

IMG_20171011_153819

Inutile dire che dopo questa nuova, bellissima esperienza, siamo già pronti per scegliere la prossima destinazione! E se vi chiedete quanto costa #unacittàalgiorno? Vi possiamo dire che a noi questo “gita” a Bucarest è costato solo 45€ a testa.

Nel dettaglio: 20€ per i voli, 5 per il parcheggio, 8 per il bus navetta, 10 per il pranzo e 2 per il dolcetto.  Che ne dite, non ne vale la pena?

Se ti è piaciuto questo articolo, perchè non lo condividi?

Sono Nicoletta, travel blogger e web content editor di Viaggiatori per Caso. Parto appena posso: per riscoprire la mia capacità di stupirmi, per imparare a sorridere davanti alle bellezza delle cose semplici, per apprezzare l’essenzialità, e per scoprire che non c’è posto al mondo che non meriti di essere visto!

0 thoughts on “Ciao, vado a Bucarest, ci vediamo stasera!”

  1. Mi piacciono un sacco questi itinerari super dettagliati. Visitare una capitale europea in giornata mi affascina molto come idea, potrebbe essere l’occasione giusta per tornare a Londra o per vedere finalmente altre città dove sogno di andare da un po’.
    Quale sarà la vostra prossima tappa? 😉

  2. Grazie Ally, ci teniamo a pubblicare sempre i dettagli innanzitutto perchè secondo noi sono la parte più utile per far “quadrare i conti” quando si ha pochissimo tempo, ma anche per far capire che sono itinerari testati di persona, e non solo sulla carta 🙂 La prossima tappa è ancora top secret, nel senso che.. non la conosciamo neanche noi 😀 aspettiamo suggerimenti, e… teniamo d’occhio le offerte dei voli 😀

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *