Salisburgo, la "puntina a forma di cuore"
AUSTRIA DESTINAZIONI EUROPA

Salisburgo, la "puntina a forma di cuore"

Le nostre “puntine”

So che tantissimi di voi hanno la nostra stessa “regola di viaggio”: non visitare due volte lo stesso posto, perché il tempo a disposizione è sempre poco e il mondo … grandissimo! Però ci sono quei posticini, piccoli borghi o metropoli, in cui per diversi motivi, esperienze speciali o solamente un feeling particolare, lasci un pezzettino di cuore. E ogni tanto devi tornare, per vedere come sta! Tra questi posti speciali, le “puntine a forma di cuore” del nostro personalissimo mappamondo, si trovano a Camogli, Venezia, New York e Salisburgo, in Austria.

Salisburgo… perchè?

Siamo stati qui per 4 volte negli ultimi 12 anni, e rispetto alla nostra prima visita, poco è cambiato. Salisburgo, la città del sale, ha conservato con cura il suo pittoresco centro storico patrimonio dell’Unesco, il suo incanto e le sua atmosfera elegante, romantica e accogliente.

A Salisburgo non ci vai per correre ad un museo all’altro passando per un monumento celebre e un paio di view point… Certo, i punti panoramici e le attrazioni non mancano, e non avrai che l’imbarazzo della scelta su cosa vedere! Ma la città di Mozart è rilassante, calda, suggestiva e davvero magica, in particolar modo nel periodo natalizio.

216363_1054372809124_1838_n

Salisburgo non è la classica città europea presa d’assalto dai voli low cost, e non si trovano last-minute online. Sarà perché non ha un grande aeroporto, sarà per la zona dove si trova, ma il suo è un turismo ricercato, di anima e cuore, di palato e di musica.

E’ una città ricca di eventi, che festeggia il capodanno in piazza tra valzer, bicchieri di punch e fuochi d’artificio. Insomma, se ami le località fashion e la vita notturna, le grandi firme e i selfie davanti alle attrazioni trendy, Salisburgo non è la città per te!

215495_1054373489141_6340_n

L’accoglienza austriaca

A Salisburgo le casette in legno con i prodotti artigianali e i profumi dei piatti tipici esistono da prima che i “mercatini” diventassero una moda. E gli alloggi migliori, i B&B con deliziose camere tradizionali gestite dalle famiglie del luogo, non si trovano sui “soliti” siti. Anzi, alle volte non hanno neanche un sito web aggiornato! Ma ti sanno offrire accoglienza e calore come nessun hotel saprà fare.

Come abbiamo fatto noi per anni grazie al buon vecchio passaparola, arrivi direttamente in Moosstrasse, la lunga strada immersa nel verde, in cui tranquillità e buon sonno sono garantiti. Qui suoni al campanello di uno dei numerosi alloggi, magari alla Haus Gassner, dove l’anziana e dolcissima signora Maria ti aprirà la sue grandi stanze. Ti aiuterà con tutti i consigli di cui avrai bisogno, magari dopo una abbondante colazione con yogurt e marmellate fatte in casa.

NYX_0199

A Salisburgo i parcheggi sono pochi ed estremamente costosi, ma il servizio pubblico è impeccabile! Con i puntualissimi e capillari pullman ci si muove in tutta la città, fino anche al gigantesco centro commerciale Europark, dove fare shopping in un giorno di pioggia o comprare qualche souvenir. Da Moostrasse occorrono 10 minuti per arrivare alle rive del fiume Salzach, e pochi euro di biglietto giornaliero. Soprattutto se a vendervelo sarà la signora Maria, che ha sempre qualche sconto nel cassetto!

NYX_0201

“La città più romantica del mondo non è Parigi…”

Spesso mi sono concessa questo paragone azzardato, e sicuramente nella mia opinione parla più l’emozione che la razionalità. Ma ogni volta che passeggio per Salisburgo è inevitabile, il cuore mi resta impigliato nei passaggi sotto ai palazzi e nelle architetture delle belle cattedrali barocche…

E ogni volta che torno a casa, sul mio mappamondo metto una nuova puntina. Una puntina a forma di cuore, su un posto da visitare ancora, ancora e ancora.

26167360_1076683392470714_1326431179158373393_n

 

Se ti è piaciuto questo articolo, perchè non lo condividi?

Sono Nicoletta, travel blogger e web content editor di Viaggiatori per Caso. Parto appena posso: per riscoprire la mia capacità di stupirmi, per imparare a sorridere davanti alle bellezza delle cose semplici, per apprezzare l’essenzialità, e per scoprire che non c’è posto al mondo che non meriti di essere visto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *