Lo spettacolo della Storia, a due passi da casa
DESTINAZIONI ITALIA

Lo spettacolo della Storia, a due passi da casa

“Sei in un Paese Meraviglioso”. Questi cartelli, in autostrada e nelle aree di sosta, mi attirano sempre come una calamita! Forse perchè mi rendo conto che l’Italia è ricchissima di siti artistici e storici, spesso molto vicini a dove viviamo, ma che non conosciamo… Allora mi fermo e fotografo i cartelli, prendo nota, oppure cerco in rete per una futura visita: il nostro Bel Paese ci permette di fare un autentico viaggio nella culla dell’umanità, vivendo emozioni uniche… magari lontano dalle rotte classiche, e soprattutto senza dover escludere destinazioni più vicine ed economiche! Ecco alcune chicche che abbiamo scoperto praticamente per caso, e vi consiglio per una gita domenicale o una vacanza differente, ma sempre… molto emozionante!

VILLA LITTA, LAINATE (MILANO)

IMG_20170903_161220.jpg

Il suo, nel 2016, è stato premiato come “Giardino più bello d’Italia”. Una villa che ha attraversato i secoli, ora circondata da un parco storico con decine di specie di piante diverse, che ci ha sorpreso grazie al suo ninfeo, ai mosaici di sasso, alle statue e soprattutto ai giochi d’acqua che divertivano i nobili dell’epoca, annoiatissimi dalla vita di corte (poveretti!!!). La visita guidata dura un’oretta, e non ne vengono effettuate nella stagione invernale. Per info, orari e prezzi questo è il sito ufficiale.

LA SACRA DI SAN MICHELE (TORINO)

Un luogo mistico sospeso tra storia, fede e leggenda, in una posizione super panoramica sulla Val di Susa, e a soli 40 km da Torino.

20228715_10213588183248479_1438609054926088371_n

L’Abbazia di San Michele è il complesso architettonico che ha ispirato nientemeno che lo scrittore Umberto Eco per il suo capolavoro Il nome della Rosa, e si trova all’interno di un itinerario dedicato a S. Michele lungo più di 2000 km, che va da Mont Saint-Michel (Francia), a Monte Sant’Angelo (Puglia). Durante la nostra visita abbiamo incontrato il critico d’arte Sgarbi: possiamo dire che la Sacra sia un posto davvero interessante, non siete d’accordo?

I CASTELLI DELLA BASSA BERGAMASCA (BERGAMO)

301850_3734839939127_1509840264_n.jpg

Ci sono castelli nella bergamasca? Eccome! Sono decine i palazzi, i castelli e i borghi medievali da scoprire, tutti molto caratteristici e molti dei quali davver ben conservati. Vale la pena visitarli, anche se le aperture al pubblico sono solo in occasioni speciali (noi ne abbiamo visitati alcuni a Pasquetta): verificate qui le “Giornate dei Castelli Aperti”.

I CASTELLI DEL DUCATO (PARMA E PIACENZA)

18358699_10212849134932733_1833623560972701585_o.jpg

Anche in questo caso potete scegliere tra più di 30 affascinanti rocche che si trovano tra Parma e Piacenza. Noi ne abbiamo visitati alcuni, tra cui la Rocca d’Olgisio, il Castello di Rivalta e il borgo di Castell’Arquato (definito tra i più belli d’Italia), oltre al vicinissimo (mezz’oretta d’auto da Castell’Arquato) elegante castello di Grazzano Visconti. Tutte queste visite ci sono piaciute moltissimo e non vediamo l’ora di ripartire alla scoperta delle altre! Ecco la lista completa delle attrazioni visitabili.

wp-image-1622443965.jpg

L’EREMO DI SANTA CATERINA DEL SASSO (VARESE)

Un luogo suggestivo con una vista mozzafiato, abbracciato ad di uno strapiombo roccioso a picco sul Lago Maggiore. Da visitare per il suo sapore contemporaneamente romantico e spirituale (l’ingresso è gratuito, si paga solo l’ascensore, ma se potete vi consiglio di fare la scalinata) ma anche semplicemente per la splendida visuale sul lago.

197199_1854863220884_6661587_n.jpg

Si può raggiungere anche via navigazione da Stresa (dicono sia ancora più bello, ma non abbiamo mai provato questa via!).

SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RIMINI)

Se siete stanchi di passare il tempo in spiaggia, a solo una decina di chilometri dalla riviera adriatica potrete rifarvi gli occhi in un piccolo borgo tra palazzi storici e vicoli caratteristici, riscoprendo una forta identità romagnola e assaggiando anche ottimi piatti tipici. Un fascino particolare che ha valso a questo borgo il titolo di Città d’Arte, un motivo in più per dedicargli anche solo un’oretta se state transitando da queste zone!

1095045_10201642638217319_72461822_n

CASTELLO DI MASINO (TORINO)

Recuperato dai FAI, questa dimora vi offre una bella panoramica sulla storia dei Signori della zona con 16 stanze ricche di dipinti, affreschi e arredi storici ariginali, immerse in un bellissimo parco con piante secolari che racchiudono anche un labirinto! La cosa più bella in assoluto è la vista di cui si gode dal castello e dal giardino, davvero spettacolare!

IMG_20171008_151522

Questi sono solo alcuni dei piccoli tesori italiani che abbiamo scovato e che ci hanno permesso di assistere allo spettacolo della Storia senza macinare chilometri. Un altro luogo di cui vi consiglieremo sempre una visita (ma forse siamo un po’ di parte!) è il Lago di Como: leggete in questo articolo perchè dovreste fare un giretto da queste parti!

E dato che l’Italia è ricchissima di meraviglie storiche e culturali, spero che ci aiuterete: aspettiamo le vostre segnalazioni di altri meravigliosi, vicinissimi, ma semisconosciuti tesori che ci offre la nostra amata penisola!

Sono Nicoletta, travel blogger e web content editor di Viaggiatori per Caso. Parto appena posso: per riscoprire la mia capacità di stupirmi, per imparare a sorridere davanti alle bellezza delle cose semplici, per apprezzare l’essenzialità, e per scoprire che non c’è posto al mondo che non meriti di essere visto!

0 thoughts on “Lo spettacolo della Storia, a due passi da casa”

  1. Ciao e complimenti per il tuo blog, molto ben fatto considerando che l’estensione .com di wordpress non è proprio il massimo della flessibilità 🙂
    E’ stata una piacevole sorpresa sapere che la Sacra di San Michele ha ispirato “Il nome della rosa”. Ho letto il libro e scorrendo la foto mi sono detto “sembra proprio la chiesa descritta da Umberto Eco” 🙂
    Continua cosi!

  2. Bellissimo post!! Condivido con voi la passione per l’immensa bellezza del nostro paese, e dei suoi piccoli borghi! Alcuni di quelli che avete citato li conoscevo già, mentre altri no.. mi sono segnata nuove idee di viaggio 🙂

  3. Mentre leggevo il tuo post non facevo altro che pensare che siamo molto simili, abbiamo visitato e vissuto molti posti in comune!! Mi mancano giusto i castelli bergamaschi! Vedrò di recuperare presto!

  4. I cartelli di cui parli in apertura mi rimandano ad una cosa che ho sempre pensato (e che dice anche un personaggio del mio romanzo :- ) ), cioè che non esistono posti belli e posti brutti, ma posti amati e posti no. Amare un posto è il primo passo per renderlo bello e la bellezza e direttamente proporzionale al numero di persone che lo amano. Ciò detto, alcuni di questi posti non li avevo mai sentiti ed è tremenda questa cosa soprattutto dal momento che ho vissuto a Milano e il castello di Lainate non lo conoscevo! Such a shame! ma non è mai troppo tardi. Grazie!!

  5. Grazie a te per il tuo bellissimo commento! Anche per noi è stata una scoperta, e non meno grave dato che da Linate distiamo meno di un’ora di macchina… Concordo col fatto che amare un posto è il primo passo per renderlo bello, ma sapere che esiste è primo passo per amarlo :))) se hai qualche segnalazione di luoghi bellissimi ma poco conosciuti ci faresti felici. A presto!

Lascia un commento