Destinazione Cinque Terre, in 5 passi low cost
DESTINAZIONI ITALIA

Destinazione Cinque Terre, in 5 passi low cost

Conosciute in tutto il mondo (soprattutto negli Stati Uniti!) per la trasparenza del mare, i colori delle casette e le forme delle scogliere, le Cinque Terre sono una incantevole zona della costa ligure circondata da verdi monti e da un mare spettacolare… Cinque coloratissimi borghi arroccati sull’aspra terra ligure che attirano migliaia di turisti in ogni momento dell’anno, che vengono fin qui per percorrere i sentieri panoramici e assaggiare i sapori autentici dei prodotti tipici della zona, e… purtroppo fanno lievitare i costi.

Questa ad esempio è Riomaggiore, una delle destinazioni più famose… non è difficile capire perchè!

13902764_10210111548534784_7123162820029120666_n

Come cavarsela? Ecco qualche dritta per visitare questa zona unica al mondo, ma con un occhio al portafoglio!

1. L’alloggio.

Durante la nostra visita a queste zone abbiamo incluso Lerici nel nostro tour, non solo perchè è una cittadina incantevole quanto le vicine più famose, ma anche perchè dormire qui costa meno e resta un ottimo punto di partenza per visitare anche Porto Venere, che si raggiunge direttamente col battello (qui trovate orari, imbarchi e tariffe).

13920558_10210111544254677_5953179941426023832_o

2. Il treno.

Parcheggiate a La Spezia (anche gratuitamente!) e da lì prendete il biglietto giornaliero del treno. Questo è il mezzo più comodo e veloce, che raggiunge tutti i paesi della costa togliendovi dall’impiccio (e dai costi) del parcheggio. Sul sito Trenitalia trovate tutte le informazioni (noi abbiamo acquistato il biglietto direttamente in stazione).

Nel prezzo del biglietto è incluso l’ingresso alla Via dell’Amore, ma verificate prima quali tratte sono accessibili (qui trovate il link a tutti i percorsi con le eventuali seganalazioni). Noi ad esempio abbiamo potuto percorrere solo il tratto tra Vernazza (nella foto sotto) e Corniglia.

13248608_10210111562735139_1577206110848270736_o

3. Il percorso.

Può sembrare un consiglio banale, ma fare sosta con il treno nei vari paesini delle Cinque Terre partendo dall’ultimo (Monterosso) e risalendo verso il primo (Riomaggiore), vi farà evitare la ressa di chi, ovviamente, segue il tragitto in ordine. Quasi tutti, ve lo assicuro. Foto e relax ne guadagneranno!

schermata-2017-02-24-a-14-13-53

4. Pasti e acqua.

A partire dalla famosissima focaccia ligure, fino al fritto misto da strada, i pasti in queste zone turistiche sono sempre molto cari. Anche le bottigliette d’acqua vi verranno fatte pagare a peso d’oro, soprattutto se non visiterete la zona in inverno. Il nostro consiglio è quello di fare scorta d’acqua nei supermercati locali e portarne appresso qualche bottiglietta per il giorno.

Riguardo ai pasti, meglio fare solo uno snack veloce (magari approfittando dell’ottimo street food locale) durante la giornata, preferendo sedervi a tavola solo a cena. Non perderete tempo, e il portafoglio vi ringrazierà.

13925064_10210111546534734_8106596635304133148_n

5. I dintorni delle Cinque Terre.

Le Cinque Terre sono i gioielli indiscussi della costa ligure. Ma la bellezza del paesaggio e dei suoi borghi non s’interrompe a Riomaggiore, anzi! Il nostro consiglio è di prevedere qualche ora in più per visitare anche le eleganti Portofino e Porto Venere. E non sottovalutate deliziosa Camogli, che per le tinte vivaci delle case e la bellezza del mare potrebbe essere tranquillamente annoverata tra le Cinque Terre, anche se mantiene un ambiente meno turistico, più economico e più genuino.

206746_1917336822685_4088865_n

Sono Nicoletta, travel blogger e web content editor di Viaggiatori per Caso. Parto appena posso: per riscoprire la mia capacità di stupirmi, per imparare a sorridere davanti alle bellezza delle cose semplici, per apprezzare l’essenzialità, e per scoprire che non c’è posto al mondo che non meriti di essere visto!

Lascia un commento