Vado a fare colazione a Catania… e torno!
DESTINAZIONI EUROPA ITALIA #unacittàalgiorno

Vado a fare colazione a Catania… e torno!

Alle 4.30 partenza da Como, alle 9.00 colazione con cappuccino e cannolo fresco. E per le successive 11 ore… Catania in tutta la sua essenza! Atmosfera rilassata e gastronomia fenomenale, mare, stucchi e poi chiese, palazzi e monumenti nell’inconfondibile colore grigio scuro della pietra lavica dell’Etna. Vale la pena visitare una città in una giornata, con il volo di ritorno che ti aspetta alla sera? Per noi Viaggiatori per Caso assolutamente sì!

vivere_catania

Dopo Napoli, Barcellona, LondraMadrid e Bucarest, abbiamo esplorato un’altra città speciale per il progetto #unacittàalgiorno. Il risultato è stata una bellissima sorpresa, una giornata novembrina resa indimenticabile grazie alla calda accoglienza e ai profumi, colori e sapori della città sicula.

viaggiatori-per-caso-catania-un-giorno

Come sempre abbiamo preparato (e rispettato senza difficoltà) un dettagliato itinerario per vedere Catania in un giorno. Siete pronti a seguirci? Pronti, via!

ORE 06:30: VOLO da Milano Bergamo a Catania Fontanarossa. ARRIVO alle ORE 08:20.

itinerario catania 1 giorno

ORE 8.30: TRASFERIMENTO IN CENTRO. Raggiungiamo il centro città con l’Alibus, lo shuttle che si prende alle pensiline sulla destra, dopo essere usciti dagli Arrivi. Il costo del biglietto è di € 4.00 a tratta e lo acquistiamo direttamente a bordo. Il percorso è circolare (aeroporto – stazione – centro città): dopo circa mezz’ora scendiamo alla stazione ferroviaria di Catania.

benvenuti-a-catania

ORE 9.00: COLAZIONE COL CANNOLO. Benvenuti a Catania! Ricarichiamoci subito con una colazione da urlo nel vicino Caffè Costa: cortesia, grande scelta ma soprattutto altissima qualità degli ingredienti. Non potremmo iniziare la giornata in modo migliore!

brioche-catania-pistacchio-caffè-costa

Cosa vedere in un giorno a Catania

ORE 9.30: CATANIA DALL’ALTO. Iniziamo a scoprire la città entrando nella Chiesa della Badia di Sant’Agata, dalla struttura ottagonale in stile barocco, ispirata a modelli romani.

catania-panorama

Qui saliamo 120 gradini per salire sulla cupola e ammirare la città dall’alto. Sullo sfondo l’Etna, e una città che si mostra nella sua totalità. Costo 3.00€.

catania dall alto

ORE 10.00: PIAZZA DUOMO. Proseguiamo con la vicinissima Piazza del Duomo, una’importante piazza tardo barocca sui cui s’affaccia la Cattedrale di Sant’Agata, Duomo di Catania. Visitandolo vediamo le reliquie di Sant’Agata, il presbiterio con gli interessanti affreschi, la cappella di Sant’Agata e il grandissimo organo ottocentesco. Ingresso libero.

piazza-duomo-catania-in-un-giorno

ORE 10.30: LA PIAZZA DELL’ELEFANTE. Usciamo dal Duomo e vediamo al centro della piazza la famosissima “Fontana dell’elefante”, simbolo della città, opera settecentesca di Giambattista Vaccarini. Via ai selfie!!!

selfie-catania-piazza-fontana-elefante

Poi proseguiamo passeggiando liberamente nel bel centro storico caratterizzato da ampi spazi e splendidi palazzi d’epoca. Intorno alla piazza vediamo il Municipio, l’ex seminario dei Chierici e la Fontana dell’Amenano, dal nome del fiume che scorre sotto la città e che proprio in questo punto riemerge.

Catania: un mondo antico fatto di profumi e colori unici

a-piscaria-mercato-del-pesce-catania

ORE 10.45: A PISCARIA. Raggiungiamo il mercato del pesce, a Piscarìa (la Pescheria). In questo mercato storico c’è un chiosco dove assaggiamo la bevanda tipica catanese: seltz, limone e sale!

ORE 11.00: TEATRO ROMANO E ODEON. Tra via Timeo e via Teatro Greco troviamo il Teatro Romano e l’Odeon, entrambi dell’etá imperiale. Li guardiamo dall’esterno (altrimenti il biglietto costa 6.00€). Ingresso gratuito la prima domenica del mese.

teatro-odeon-romano-catania

ORE 11.30: UN’UNIVERSITÀ SPECIALE. Il Monastero di San Nicolò l’Arena, oggi sede del Dipartimento di Scienze Umanistiche dell’Università, è un gioiello del tardo barocco siciliano ed è tra i complessi benedettini più grandi d’Europa.

monastero-nicolo-arena-catania

La Chiesa di San Nicolò che si trova alla sua destra è imponente (la più grande della Sicilia), con ampi riferimenti alla basilica vaticana. L’ex monastero è aperto al pubblico e visitabile gratuitamente, ma c’è la possibilità di fare visite guidate a 7.00€ per un’ora circa di tempo.

chiesa-san-nicolo-arena

ORE 12.15: PIAZZA STESICORO E L’ANFITEATRO ROMANO. Percorrendo la tipica via Crociferi arriviamo in una delle più frequentate piazze di Catania, che deve il suo nome al poeta greco Stesicoro, il cui sepolcro si trovava qui in epoca romana. Piazza Stesicoro è divisa in due dalla via Etnea, la strada principale del centro: le due parti della piazza hanno stili architettonici differenti.

piazza-stesicoro-catania

Nel mezzo, a circa 10 metri sotto il livello della strada, è visibile una parte dell’Anfiteatro romano riportato alla luce agli inizi del XX secolo. L’anfiteatro è osservabile dall’esterno fiancheggiando la ringhiera che lo delimita. Qui vediamo anche il monumento dedicato al compositore Vincenzo Bellini: facciamogli una foto!

catania itinerario

ORE 12.30: FINALMENTE SI MANGIA! Pranziamo in un ottimo ristorante, Street Food, dove troviamo sapori e cortesia tipicamente siculi ed un menù eccezionale. Grazie alla prenotazione con l’applicazione The Fork il conto è molto economico ed usciamo soddisfattissimi.

street-food-ristorante-catania-un-giorno

A Catania come abitanti

ORE 14.00. VILLA BELLINI E IL SUO PARCO. Percorrendo la via Etnea in pochi minuti arriviamo al Giardino Bellini. Ci rilassiamo nel “parco pubblico dei catanesi“, considerato fra i più belli d’Europa, tra alberi secolari, orologi botanici, splendide piante esotiche e aree dedicate al gioco e allo sport. L’ingresso è gratuito.

parco-villa-bellini-viaggiatori-per-caso

ORE 14.30. E’ ORA DELL’ARANCINO. Finalmente assaggiamo una delle specialità sicule più amate in assoluto! Alla Pasticceria Savia, che si trova davanti all’ingresso di Villa Bellini, prendiamo un arancino di riso: quello al pistacchio è delizioso!

pasticceria-savia-arancino-catania

ORE 15.00. IL MERCATO. A Fera o Luni, il mercato che una volta era aperto solo di lunedì, è poco lontano, in piazza Carlo Alberto. Oggi non chiude mai: dal lunedì al venerdì è aperto al mattino, il sabato fino al tardo pomeriggio. Un vero viaggio nel mondo rumoroso e colorato dei mercati catanesi, un mondo che al nord Italia non esiste più! Qui si trovano due monumenti molto amati dagli abitanti, la Basilica della Madonna del Carmine e la chiesa di S. Gaetano alle grotte, aperti solo pochi giorni all’anno. Noi troviamo aperta quest’ultima, di cui visitiamo la cripta con 1.00€.

cripta-san-gaetano-alle-grotte

ORE 16.00. TEATRI, PALAZZI E CANNOLI. Passeggiando con calma raggiungiamo il Teatro Massimo “Bellini”, con cui Catania ha reso omaggio al suo figlio più famoso Vincenzo Bellini, e a cui facciamo una bella foto da fuori. Raggiungiamo e visitiamo il Palazzo Platamone (Palazzo della Cultura), struttura medievale ed ex convento, oggi centro culturale che ospita vari concerti e mostre d’arte (accesso libero se non si visitano le mostre).

palazzo-biscari-catania

Concludiamo con il sontuoso Palazzo Biscari, città-palazzo privato che occupa un intero isolato e conta circa 700 stanze. Lo fotografiamo da fuori e proseguiamo!

visitare catania a piedi

La Sicilia: storia, gastronomia e cortesia

ORE 16.30. I DOLCI TRADIZIONALI. Ci fermiamo alla pasticceria I Dolci di Nonna Vincenza che prepara prelibatezze secondo le ricette storiche della pasticceria siciliana. Qui facciamo un assaggio dei loro cannoli e di un dolce tipico della tradizione siciliana, il gelo. Possiamo anche prenotare ciò che desideriamo e ritirarlo nel punto vendita in aeroporto.

i-dolci-di-nonna-vincenza-catania

ORE 17.00: IL CASTELLO URSINO. Ultima tappa di questa visita catanese: il Castello medioevale Ursino, ora Museo Civico e sede di mostre temporanee. Con il biglietto d’ingresso semplice (4.00€) vistiamo gli interni che contengono una collezione di opere d’arte e ritrovamenti legati al territorio di Catania.

catania-castello-ursino

ORE 18.15: APERICENA CATANESE! Prima di lasciare la Sicilia facciamo nuovamente una pausa al Caffè Costa, dove facciamo un bell’aperitivo con diversi assaggi salati, arancini di riso e dolci siciliani. Acquistiamo anche numerosi dolcetti da portare ad amici e familiari.

catania-cassatine-caffe-costa

ORE 19.00: ASPETTIAMO L’ALIBUS alla stazione centrale di Catania.

ORE 21:35: VOLO da Catania Fontanarossa)a Milano Bergamo con ARRIVO alle ORE 23:30.

Spese (a persona)

Volo: 37.00€
Parcheggio: 4.00€
Navetta: 4×2 = 8.00€
Colazione: 3.50€
Cupola: 3.00€
Seltz: 1.00€
Pranzo: 12.00€
Arancino: 2.20€
S.Gaetano: 1.00€
Vincenzi: 1.50€
Castello: 4.00€
Cena e regali: 10.80€
Totale: 88.00€

catania-in-un-giorno-piazza

Catania è una città dalla fisionomia speciale, che vi consigliamo assolutamente di vedere, anche se è estate, fa caldo e vorreste andare al mare! E se non avete a diposizione un’intera giornata, concedetele il tempo di una passeggiata in centro: non troverete nulla di simile in giro per la Sicilia, figuriamoci nel resto d’Italia!

Sono Nicoletta, travel blogger e web content editor di Viaggiatori per Caso. Parto appena posso: per riscoprire la mia capacità di stupirmi, per imparare a sorridere davanti alle bellezza delle cose semplici, per apprezzare l’essenzialità, e per scoprire che non c’è posto al mondo che non meriti di essere visto!

4 thoughts on “Vado a fare colazione a Catania… e torno!”

  1. Bello questo post, prenderò ispirazione! A Catania non ci sono ancora stata e da un po’ sto pensando di fare gite di una giornata da qualche parte. Due candidate sono Londra e Bucarest, quindi ora vado a leggermi anche quei post!

    1. Perfetto Anna!! Vedrai che una volta iniziato non riuscirai più a smettere!! A breve pubblicherò l’itinerario per Colonia. E se parti… mi raccomando mandaci le foto sulla nostra pagina facebook!!

  2. Mi avete dato un’idea pazzesca. Abito a due passi dall’aeroporto di Orio al Serio e in effetti potrei organizzarmi per fare questi viaggi da un giorno come lo avete organizzato voi. Per cominciare potrei prendere spunto da questo. Che mi sembra davvero super!

Lascia un commento