I Castelli della Baviera: tour fai-da-te
GERMANIA DESTINAZIONI EUROPA ITINERARI EUROPA

I Castelli della Baviera: tour fai-da-te

Ci sono posti che sembrano tirati fuori direttamente da un libro di fiabe, e tra questi sicuramente ci sono la Baviera e i suoi castelli. Se non l’hai notato leggendo i nostri articoli come Castelli francesi per Capodanno e Lo spettacolo della storia a due passi da casa, noi Viaggiatori per Caso siamo dei grandi appassionati di regge, manieri e fortezze. Ecco perchè e nel nostro girovagare non ci siamo fatti mancare uno dei tour più affascinanti per gli appassionati del genere, quello dei castelli della Baviera. Questa zona è situata a Sud della Germania, al confine con l’Austria: ecco la mappa, come arrivare ai castelli e l’itinerario che abbiamo seguito!

itinerario castelli baviera germania austria

Di questo viaggio ricordiamo tutti intensamente tre cose: lo spettacolo ineguagliabile di questi luoghi fatati, degni delle cartoline più belle; le grandi risate (ci siamo divertiti tantissimo!) e il FREDDO. Sì, il freddo! Tra fine dicembre e inizio gennaio abbiamo trovato temperature minime che raggiungevano i -14°… e tantissima neve!

Ma vi assicuro che, ovviamente con un abbigliamento adeguato, questo non ha fatto che rendere la nostra esperienza ancora più indimenticabile, e la lista di cosa vedere più lunga del tempo a disposizione. E ha trasformato i paesaggi tedeschi in un regno incantato che merita una visita in questa stagione più che in altre… nonostante in altre stagioni avremmo potuto trovare climi sicuramente più gradevoli! Ecco il nostro itinerario di 5 giorni tra Italia, Germania e Austria, per un totale di circa 1300 km.

Oberammergau

GIORNO 1: COMO – OBERAMMERGAU (400 km)

Il nostro viaggio inizia la mattina presto, e in poco più di 5 ore di guida raggiungiamo la Germania. Questa prima tappa ci porta direttamente in Baviera, nella vivace Oberammergau, che per due giorni sarà la nostra base per la visita ai castelli. Ovviamente, siamo arrivati in queste zone nella nostra modalità preferita, che ci ha permesso di essere sempre indipendenti e autonomi: on the road!

linderhof_viaggiatori

Prima di raggiungere il nostro alloggio facciamo tappa al Castello di Linderhof, che si trova a meno di 15 km da Oberammergau, nella Valle Graswang. Considerato da Massimiliano II d’Austria come il suo rifugio privato di caccia, Linderhof merita una visita all’interno e mille foto ai giardini, che noi troviamo splendidamenti imbiancati dalla neve!

linderhof

La sera facciamo un giretto nella cittadina che ci ospita, illuminata a festa. Oberammergau è un piccolo paese reso molto caratteristico dalle sue case splendidamente affrescate. La maggior parte delle abitazioni infatti è dipinta con scene raffiguranti le fiabe più conosciute. Qui ci dedichiamo alle delizie locali: stinco al forno, una buona birra e wurstel a volontà. Poi raggiungiamo il nostro alloggio: passeramo due notti presso un delizioso affittacamere, tra cascate di candele, biscotti alla cannella e fiocchi di neve!

b&b_oberammergau_baviera

GIORNO 2: I CASTELLI DI HOHENSCHWANGAU E NEUSCHWANSTEIN (50 km)

Oggi come prima tappa visitiamo il Castello di Hohenschwangau, distante meno di 50 km da Oberammergau. Il castello domina lo splendido Alpsee, ed è circondato da un giardino cinto da mura e da fontane dal carattere romantico.

Proseguiamo con il vicinissimo (3 km) e celeberrimo Castello di Neuschwanstein, capolavoro di Ludwig II e sicuramente un simbolo della Baviera stessa. E’ proprio quello che Walt Disney prese come modello per creare il disegno del castello de La bella addormentata nel bosco e Cenerentola: secondo noi non è mai esisitito un castello così favoloso! 

castelli-della-baviera-itinerario

Conosciuto come pazzo, il Re della Baviera si dice che in realtà fosse un timido, che salì al trono a soli 18 anni e con nessuna esperienza di governo. Fece costruire così Neuschwanstein come suo rifugio dal mondo, ispirato dal suo amore per il medioevo e i lavori di Wagner.

castello Neuschwanstein interno

Per noi non è difficile immaginare come questa idilliaca e solitaria parte della Baviera potesse essere il luogo perfetto per nascondersi dai doveri di corte, per qualcuno che non amava mostrarsi in pubblico!

Ovviamente noi cadiamo vittime della magia di questo castello! Scattiamo mille foto agli esterni e al panorama circostante, ma anche una visita negli interni è doverosa (qui purtroppo è vietato fare foto). L’ingresso si può raggiungere con carrozze trainate da cavalli oppure a piedi (la nostra scelta). Dalle sue terrazze possiamo vedere il castello di Hohenschwangau, immerso nella foresta innevata tra i due laghi Alpsee e Shwansee.

Panorama dal castello di Neuschwanstein verso Hohenschwangau

Usciti, proseguiamo con un’ultima camminata di circa 10 minuti fino al Marienbrucke, un ponte sospeso che ci regala la magnifica vista sul questo castello delle favole. Noi lo troviamo chiuso, ma confesso che in parte lo abbiamo percorso lo stesso: non potevamo farci mancare le foto più belle del viaggio!

GIORNO 3: OBERAMMERGAU – MONACO DI BAVIERA – ROSENHEIM (156 km)

monaco_mercatini

Oggi lasciamo il nostro bed&breakfast in direzione Rosenheim, dove abbiamo programmato una notte in una piccola pensione a gestione familiare. Sulla strada però facciamo una breve tappa a Monaco di Baviera, dove facciamo una passeggiata tra i mercatini di Natale e approfittiamo dell’ottimo street food tedesco per pranzare. Non ci perdiamo Marienplatz, con l’imponente e magnifico Neues Rathaus caratterizzato dalla sua torre con l’orologio, che ricorda quello di Praga.

Monaco, Marienplatz

Nel tardo pomeriggio risaliamo in auto e raggiungiamo Rosenheim, dove dopo una lauta cena in un ristorantino locale, ci fermiamo per la notte.

GIORNO 4: ROSENHEIM – HERRENCHIEMSEE – SALISBURGO (95 km)

Oggi, partendo da Rosenheim, visitiamo il Castello di Herrenchiemsee, straordinario a partire dalla sua posizione. La “Versailles bavarese si trova infatti su un’isola nel lago Chiemsee, la Herreninsel, al quale arriviamo con un traghetto che parte dal paese di Prien am Chiemsee. La Herreninsel, l’Isola degli Uomini, è così chiamata perché ospitava un convento dei Canonici Agostiniani. Si affianca alla vicina Fraueninsel, l’Isola delle Donne, che ospita tuttora una comunità di Monache Benedettine.

La passione di Ludwig II per l’architettura francese nel periodo del Re Sole lo portano a realizzare un castello che è una piccola copia della Reggia di Versailles, una vera celebrazione della corte di Francia! Arriviamo all’ingresso con una bella passeggiata di 20 minuti tra i boschi innevati che circondano la Reggia (per chi non desidera camminare, sono sempre disponibili le romanticissime carrozze), e proseguiamo con la visita degli immensi giardini. Tutt’intorno le Alpi, e bianco a profusione!

herrenchiemsee baviera viaggiatori per caso

Per l’ora di cena raggiungiamo Salisburgo, in Austria (70 km) dove le abbondanti nevicate hanno reso l’atmosfera straordinaria! Salisburgo è una delle città che amiamo particolarmente e visitiamo spesso, come abbiamo già raccontato nell’articolo Salisburgo, la puntina a orma di cuore. Dopo una abbondantissima cena tipica alloggiamo in un bed & breakfast in Moostrasse, una delle strade più tranquille (ed economiche) della città.

Il ponte sul Salzacht

GIORNO 5: SALISBURGO – INNSBRUCK – COMO (626 km)

E’ il momento di tornare a casa! Dopo una lauta colazione ci rimettiamo in strada attraverso la splendida regione del Berchtesgaden, ma non ci facciamo mancare un’ultima tappa nella caratteristica cittadina di Innsbruck, in Austria. In questo periodo dell’anno ospita i mercatini di Natale: pranziamo qui con l’ottimo street food locale, poi in serata rientriamo in Lombardia.

Sono Nicoletta, travel blogger e web content editor di Viaggiatori per Caso. Parto appena posso: per riscoprire la mia capacità di stupirmi, per imparare a sorridere davanti alle bellezza delle cose semplici, per apprezzare l’essenzialità, e per scoprire che non c’è posto al mondo che non meriti di essere visto!

10 thoughts on “I Castelli della Baviera: tour fai-da-te”

  1. Leggendo il tuo racconto e guardando le tue foto, traspare il tuo entusiasmo del viaggio e della scoperta. É sempre un piacere leggerti

  2. Con la neve sicuramente è stato più magico ma ci credo che quel freddo non lo dimenticherete più! Di tutta la zona che avete visitato io ne ho visto solo una piccolissima parte. Ero ragazzina quando con la scuola, durante un soggiorno studi in Germania, andavo in gita a NEUSCHWANSTEIN. Sarebbe bello ritornare adesso, con una maggiore consapevolezza del viaggio e del luogo!

    1. hai ragione Simona , un posto bello sarà bello sempre ma da adulti Sì guarda tutto con un occhio diverso e sicuramente non si riesce ad apprezzare anche di più! Una buona scusa per tornare, magari aggiungendo le destinazioni che ti mancano o seguendo il nostro itinerario!

  3. Ho adorato i castelli della Baviera e mi sono ripromessa di tornare in inverno per vederli con la neve come avete fatto voi!

  4. Noi adoriamo i castelli e questo itinerario in Baviera sembra proprio favoloso, lo terremo a mente per un prossimo weekend allungato. Salisburgo invece l’abbiamo visitata diversi anni fa e la sua magica bellezza ci è rimasta impressa nel cuore.

Lascia un commento